Benvenuti al Museo del Sughero!

 

Il Museo del Sughero di Calangianus si trova nel centro del paese, all’intero del bellissimo complesso Settecentesco che comprende l’ex Convento dei Frati francescani e la Chiesa di Santa Maria degli Angeli.L’antica struttura interamente costruita in granito, era stata edificata intorno al XVIII  secolo proprio per merito dei frati cappuccini.  Nel 1866, periodo in cui i rapporti Stato-Chiesa erano tesi a causa del potere temporale del Papa, ci fu la soppressione e l’espulsione dei religiosi dal Convento. In seguito a ciò, una parte venne ceduta alla Provincia di Sassari perché se ne servisse come caserma dei Reali Carabinieri, un’altra al Comune per destinarla a scuola, carcere e ufficio pretoriale.Al centro del chiostro si può ancor ammirare l’antico pozzo, che in passato veniva usato anche dalla popolazione per il fabbisogno giornaliero. Durate la prima e la seconda guerra mondiale, la Chiesa fu occupata dai soldati di stanza nel nostro centro che la ridussero in condizioni deplorevoli.Nel 1946, grazie alla disponibilità di un comitato, vennero raccolti tra la popolazione dei fondi per abbellire l’interno con affreschi del pittore milanese Carlo Armanni (soldato in Gallura) rappresentanti scene della vita di San Francesco (1948).Il Museo è stato inaugurato nel Luglio del 2011, ma aperto e reso fruibile a Maggio 2012.

Attalmente è gestito dall’ Associazione Turistico-Culturale “Contiamoci” che ne ha curato l’allestimento.La struttura è articolata su due piani: all’interno delle caratteristiche celle del piano terra sono esposti gli antichi macchinari e gli utensili per la lavorazione del sughero.

Il grande salone al piano superiore ospita, invece, una sezione multimediale con una serie di video che ripercorrono tutte le intere fasi della lavorazione, dall’estrazione del sughero dalla pianta, alla trasformazione in turaccioli finiti e una sala predisposta per convegni e laboratori didattici per bambini.Una guida accompagnerà i visitatori per illustrare e spiegare tutte le fasi e i macchinari della lavorazione.

Il Museo è anche dotato di un punto shop dove è possibile acquistare prodotti e souvenir di artigianato locale.

Su prenotazione è anche possibile concordare dei ‘pacchetti turistici’ che abbinano la visita al museo a quella di altri siti e monumenti caratteristici del paese, ai laboratori artigianali di manufatti di sughero o alle cantine di vino locali.

Inoltre, su prenotazione, per gruppi di almeno 15 persone che visitano il Museo del Sughero, è previsto l’accompagnamento al Sito Archeologico di ‘Monti di Deu’, dove è possibile visitare la

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *